L’OPINIONE: STAMPA ED EFFETTI COLLATERALI

Che la stampa non se la stia passando bene lo sappiamo tutti, sia nel nostro settore di nicchia, sia per quanto riguarda la grossa distribuzione di quotidiani e periodici. Per le riviste specializzate e a bassa tiratura, quelle del volo incluse, un articolo del decreto liberalizzazioni “affonda Italia”, come mi piace definirlo, consente agli edicolanti (art 39) di:

“d-ter) gli edicolanti possono praticare sconti sulla merce venduta e defalcare il valore del materiale fornito in conto vendita e restituito a compensazione delle successive anticipazioni al distributore”

Sembrerebbe una norma per ottimizzare la commercializzazione, ma in questo periodo di crisi è utilizzata dagli edicolanti (che, va detto, spesso sono costretti a pagare in anticipo riviste e quotidiani, aspettando poi il reso per la compensazione) come denaro contante per abbassare gli estratti conto settimanali. Cosa vuol dire? Semplicemente che se le vendite vanno male, e di questi tempi vanno male per tutti, un edicolante può decidere di restituire una rivista anche dopo cinque giorni dal ricevimento, per cui i lettori vanno a chiederla e non la trovano più; ci perde l’edicolante che vende meno, ma che è strozzato, ci perdono gli editori. Grazie Monti. Ma i grandi non se la passano bene ugualmente, se pensate che il Corriere non sarà in edicola per l’adesione massiccia dei poligrafici della RCS allo sciopero CGIL, cosa mai successa. Chissà che a pesare non siano gli 875 milioni di euro di debito del gruppo i cui ricavi sono in caduta libera e la ventilata cessione del poligrafico RCS al gruppo FIAT… da qui a dire che a breve i quotidiani saranno disponibili solo su tablet o pc ce ne passa, ma mica tanto. In un web log di volo sembrerebbe OT parlare di stampa, anche se noi siamo una testata al momento unicamente su carta stampata, ma c’è un altro aspetto di questi giorni che mi ha dato da pensare: l’emendamento alla legge “salva Sallusti” presentato dalla Lega e dall’API di Rutelli, votato a scrutinio segreto al Senato (ipocrisia vergognosa, ultima merdata –  passatemi il termine tecnico – degli intoccabili politici) e approvato; un emendamento che ripristina il carcere per i giornalisti (Sallusti se la ride, ci andrà e diventerà un martire), un anno in caso di condanna per diffamazione. La stampa, piaccia o no, informa, fa sapere le cose e aiuta a creare movimenti di opinione nel bene e nel male. Lo fa in politica, in economia e in tutti i settori della vita civile, incluso il nostro. Io ne so qualcosa visto che per oltre un anno ho denunciato, in splendida solitudine, ciò che accadeva in Aero Club d’Italia con la gestione Leoni, semplicemente illegale. Adesso prendo atto che il Sen. Leoni, uno dei padri della lega Nord, fa parte del gruppo che ha reinserito e votato il carcere per i giornalisti non graditi. Non male, vero?

Io penso che l’implosione traumatica della politica italiana sia già avviata, ancora non so se sarà alle prossime politiche il Movimento 5 Stelle (oggi dato al 19%, ma secondo alcune indagini preoccupatissime possibile collettore del voto di protesta degli astenuti, il che lo renderebbe il primo partito d’Italia con percentuali ipotizzate al 45%) a buttare fuori tutti dal parlamento, o l’ira degli ultimi che prima o poi se la prenderà indistintamente con chiunque fa parte della casta che senza alcuna rinuncia per se stessa ha impoverito una intera nazione, ucciso qualsiasi attività economica e umiliato persone che per 40 e più anni hanno lavorato per lo sviluppo del paese e che oggi sono stati rapinati anche dei contributi versati; non so davvero cosa accadrà, so solo che accadrà, che l’implosione è vicina e che il ruolo della stampa, qualunque essa sia, inclusa la nostra, è e rimane centrale, anche con OT come questo. E l’emendamento proposto dalla Lega e dall’API di Rutelli (chissà che ne pensa la moglie giornalista…) lo interpreto come uno stimolo a picchiare ancora più duro.

Perchè se è vero che chi diffama va in carcere, è anche vero che chi racconta la verità e ha le prove di quanto scrive, non rischia assolutamente nulla e anzi aiuta a mandare in carcere i malfattori. E quindi continueremo a denunciare vergogne e malefatte, con ancora più vigore. Era questo che volevano gli indecenti politici? Probabilmente no, peccato…

Rodolfo Biancorosso – rbiancorosso@volosportivo.com

4 Risposte to “L’OPINIONE: STAMPA ED EFFETTI COLLATERALI”

    • Marco Guerrini Says:

      Concordo pienamente sulla tua analisi.

    • Tiziano Arbizzani Says:

      Mi sembra il commento più lucido alla notizia che io abbia letto su qualunque testata. Mio nonno diceva “Male non fare, paura non avere” e il Suo pezzo mi sembra andare sulla falsariga di quell’adagio. Anche da parte mia un forte sostegno a chi ogni giorno scrive di verità con indipendenza e senso del dovere.

  1. Grinza Carlo Says:

    Concordo pienamente su quanto Lei ha scritto, perché ormai siamo alla frutta, La prego di continuare su questa strada, sperando che la testardaggine di chi continua a lavorare riesca un giorno, speriamo non troppo lontano, avere la meglio sulla casta di ladri ed imbroglioni che ci governa….

    P.S.: a suo tempo Le avevo mandato, riguardo al record di traino alianti, quello che molti anni prima era stato fatto presso l’AeC. Torino durante una manifestazione, e Lei nella Sua risposta mi aveva informato che l’avrebbe pubblicata, ma per ora non ne ho visto traccia, ci sono stati problemi?

    Cordialmente un Suo affezionato lettore

    Grinza Carlo ASD VV Novi


I commenti sono liberi per tutti, ma saranno rimossi commenti offensivi o denigratori

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: