ANSV: RAPPORTO INFORMATIVO 2011

Bruno Franchi, Presidente dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo

Lo scorso 5 Aprile i rappresentanti della stampa specializzata civile e militare si sono trovati a Roma presso la sede ANSV per la presentazione dell’attività svolta dall’Agenzia nel 2011, in un incontro ristretto fra addetti ai lavori, persone che parlano la stessa lingua e che sono a conoscenza dei problemi e delle criticità del mondo del volo con particolare attenzione agli aspetti di sicurezza e prevenzione. Il Presidente dell’Agenzia, il Prof. Bruno Franchi, ha tracciato un quadro puntuale e dettagliato di un’attività che ha portato l’ANSV in poco più di dieci anni ad essere un punto di riferimento tecnico anche per analoghi enti stranieri, e di una situazione organizzativa e finanziaria “molto critica” che, a microfoni spenti, è stata definita “drammatica”. Due aspetti in stridente contrasto di un’attività che non solo è strategica per la salvaguardia di vite umane e per consentire uno sviluppo corretto dell’aviazione, ma che ottiene risultati di valore universalmente riconosciuto con impiego di risorse davvero minimo. Sapere che tutto quello che è stato fatto lo scorso anno è costato il lavoro di un manipolo di persone ampiamente sotto-organico (pensate che ogni investigatore ha “in carico” circa 100 inchieste!) e poco più di 2 milioni di euro, in un momento in cui tesorieri di partiti politici non più esistenti se ne mettono 20 in tasca, dopo averne gestiti a centinaia senza il minimo controllo, lascia davvero l’amaro in bocca, e si inserisce in un quadro nazionale sconfortante nel quale il merito e le capacità reali quasi non sono considerati, e nel quale la spesa pubblica percorre vie davvero poco virtuose

Nel 2011 l’Agenzia ha ricevuto in tutto 2.361 segnalazioni, ma solo per 83 eventi è stata aperta un’inchiesta per incidente o inconveniente grave, a fronte dei 95 del 2010. La maggior parte delle inchieste (47) riguarda il settore dell’aviazione turistico sportiva, ancora molto critico, mentre nel campo del lavoro aereo sono aumentati in modo preoccupante gli incidenti che hanno visto coinvolti elicotteri (7 su un totale di 13). La situazione organizzativa e finanziaria in cifre non richiede commenti: a fronte di un contributo di oltre 5 milioni di euro erogato nel 2001, quando fu creata l’Agenzia, nel 2011 i trasferimenti da parte dello Stato sono stati di 2.620.000 euro dei quali circa 2,3 milioni assorbiti dai costi fissi. Vi chiederete come abbia fatto l’Agenzia a operare, a fare le inchieste, inviare investigatori sul posto, raccogliere e analizzare prove, ecc. Molto semplice, ha utilizzato l’avanzo finanziario accumulato negli anni precedenti proprio a causa della carenza di personale, e grazie a una gestione oculata e virtuosa che vede le spese di rappresentanza dell’Agenzia uguali a zero (può dire la stessa cosa l’Aero Club d’Italia?). Ma attingere all’avanzo finanziario accantonato per arrivare al pareggio di bilancio significa avere poca autonomia, per l’esattezza sino al 2014. E dopo? Ci auguriamo che un intervento governativo arrivi in tempi rapidissimi per scongiurare il fermo o l’azzeramento pratico di un’attività che è strategica; questo la politica lo deve capire, e anche in fretta.

Nella foto un FDR di ultima generazione. Il cilindretto esterno, attivato dall’acqua, è un generatore presso-acustico che consente il rilevamento della “scatola nera” in caso di immersione, la sua autonomia minima garantita è di trenta giorni. I laboratori ANSV sono all’avanguardia nella decodifica delle scatole nere e per questo motivo la collaborazione dell’Agenzia è richiesta spesso anche da Enti analoghi esteri.

I commenti sono liberi per tutti, ma saranno rimossi commenti offensivi o denigratori

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: