VS: IL NUOVO SITO

VS
Da oggi, 26 Giugno 2013, è attivo il nuovo sito http://www.volosportivo.com che incorpora anche questa agenzia notizie, con più sezioni e approfondimenti.

Sul nuovo sito trovate l’elenco completo di tutte le prove in volo, le notizie relative agli avvisi di sicurezza e ai report più interessanti, l’anteprima dei principali articoli del numero di VS in edicola e tutti gli editoriali pubblicati.

Nuova anche la strategia editoriale: VS dal mese di Luglio 2013 esce in edicola il 27 di ogni mese con circa una settimana di anticipo rispetto alla precedente distribuzione e rispetto alle altre riviste, se non trovate VS nella vostra edicola segnalatelo alla redazione e provvederemo a distribuirlo in tempo reale.

Un grazie di cuore ai lettori che ci hanno consentito di arrivare a essere la rivista di riferimento italiana per l’aviazione generale e sportiva e arrivederci a tutti su

http://www.volosportivo.com

Rodolfo Biancorosso

Pubblicato su News on line. 1 Comment »

CIRRUS CAPS: QUESTA VOLTA IL PARACADUTE NON SI APRE

SC01

Il pilota Tim Valentine, a bordo del Cirrus SR22 serial number 16, costruito nel 2001, lo scorso 16 Maggio stava volando in condizioni IFR dal Texas verso il Kansas a un’altitudine di 7000 ft quando, aggirando un forte temporale, ha notato alcune incongruenze nella strumentazione con malfunzionamento dell’HSI e con lo sgancio del sistema di autopilota; Tim si è immediatamente preoccupato delle indicazioni dell’orizzonte, trovandosi in condizioni che potevano portare a un disorientamento spaziale, e ha deciso di azionare il sistema CAPS che era stato revisionato e reinstallato a bordo del velivolo nel 2012, come richiesto dalla Cirrus stessa con il programma di manutenzione periodica. Il razzo è partito, ma la calotta e il fascio funicolare non sono stati estratti, Tim si è trovato in una situazione decisamente impegnativa: strumentazione inaffidabile, condizioni di volo critiche, paracadute lanciato ma non estratto; Tim, che aveva già dichiarato emergenza prima dell’azionamento, decide di infilarsi in IMC in una picchiata accentuata con rateo di discesa di 2800 ft/min tenendo barra al centro, riuscendo a uscire fuori dalle nubi a soli 800 ft, perfettamente in assetto. Dopo aver informato l’ATC della sua intenzione di rientrare ad Addison in VFR a bassa altitudine, rimanendo sotto la copertura, l’atterraggio è avvenuto regolarmente, ma con la percezione di trascinare qualcosa; appena raggiunto il piazzale del Cirrus Service Center, Tim si accorgeva che stava trascinando il razzo con la fune di trazione, e che l’intero pacco paracadute era rimasto nell’alloggiamento di fusoliera, il cui portello era regolarmente saltato via. I tentativi di estrarre manualmente il paracadute non hanno avuto esito, il pacco era letteralmente “inchiodato” dentro il contenitore, in quelle condizioni non sarebbe mai potuto uscire.

Sul posto si sono recati gli ispettori della FAA e del NTSB che aprirà un’inchiesta, il caso è eclatante in quanto si tratta del primo azionamento di un CAPS “repacked” e del primo malfunzionamento dopo una revisione. Il repacking è stato effettuato sotto il controllo del Cirrus Service Center in un periodo nel quale Cirrus e BRS erano avversari in questioni legali e finanziarie; oggi il repacking è quasi completamente effettuato da BRS che si occupa anche dell’upgrade dei vecchi sistemi paracadute al momento della revisione. La questione è molto delicata, avendo scosso profondamente la fiducia di molti piloti sul repacking effettuato in quel periodo (operazione che tra l’altro prevede un lungo periodo di fermo a terra del velivolo ed è piuttosto costosa), e ci saranno a breve sviluppi e aggiornamenti

SC02

FEDERAZIONI AERONAUTICHE: NASCE LA C.I.S.A.

Riunione Federazioni Villa Marchetti

Sabato 25 Maggio si è tenuto presso la Sala del Consiglio di Villa Marchetti a Baggiovara, sede di ACIMAC – Confindustria, un incontro fra Federazioni Sportive Aeronautiche per valutare gli effetti del nuovo statuto AeCI e, alla luce del nuovo scenario operativo, proporre azioni comuni per la tutela dei propri iscritti e per lo sviluppo del volo. Presenti i Presidenti di FCAP Alberto Folchini, FIAM Adolfo Peracchi, FIPAS Alberto Notari, FIVL ASD Luca Basso e FIVU Angelo Montalti. Padrone di casa Paolo Gambuli, vicepresidente del Club Aeronautico Sassuolo e direttore di Villa Marchetti.

Per quanto riguarda il nuovo statuto AeCI emergono le preoccupazioni innanzitutto per l’attività sportiva che AeCI al momento non è in grado di gestire: sino a oggi le federazioni più attive nell’agonismo hanno praticamente fatto tutto da sole sul territorio (con i fantastici risultati che sono sotto gli occhi di tutti a livello europeo e mondiale) e come “ringraziamento” si sono recentemente sentite accusare di svolgere “attività agonistica abusiva” da un AeCI che crede di poter accentrare su una o due persone (immaginiamo con quale competenza specifica) l’intera attività agonistica. Ma emergono anche le implicazioni di uno statuto che non prevede più le federazioni sportive aeronautiche di specialità, che sino a solo un paio di anni fa erano state la spina dorsale di AeCI proprio per il settore agonistico; tutti i presidenti concordano quindi sulla necessità di trasformare la struttura federale delle singole federazioni il cui futuro – se nulla cambierà – è quello di associazioni di piloti e praticanti. Emerge anche, condivisa all’unanimità, la necessità di trovare linee di azione comuni per avere non solo massa critica e per condividere le spese con un drastico abbattimento dei costi di segreteria e di gestione, ma soprattutto per offrire a enti e istituzioni una serie di proposte di collaborazione coordinate e ad ampio spettro (le associazioni potrebbero ricevere deleghe in settori tecnici ben precisi, nei quali hanno grandi competenze ed esperienza). A conclusione della giornata è presa una decisione a nostro giudizio storica: si decide di riunirsi in un solo organismo, la C.I.S.A. – Confederazione Italiana Specialità Aeronautiche – aperta a tutte le associazioni che operano nel settore del volo. I presidenti hanno firmato una dichiarazione di intenti che indica nel 30 Giugno 2013 la data per l’Assemblea costituente della CISA.

La nuova Confederazione eleggerà un presidente il cui primo atto sarà quello di richiedere un incontro all’attuale Commissario Straordinario AeCI Leoni, questa volta non come singola specialità, ma come base ampia e compatta di praticanti di tutte le specialità, con una massa critica di circa 15.000 iscritti che si prevede in aumento con questa nuova svolta.

Tra i punti principali della “mission” di CISA segnaliamo:

- promuovere intesa e cooperazione fra gli associati

- promuovere l’attività tecnica, didattica, sportiva, turistica e promozionale del volo

- studiare e risolvere problemi tecnici e normativi

- prestare assistenza e consulenza agli associati

- sostenere e promuovere l’organizzazione di manifestazioni, gare e convegni

- promuovere la diffusione della cultura aeronautica

- promuvere la diffusione di aviosuperfici, campi di volo e delle loro dotazioni

VERGOGNA, DELLA PIU’ PROFONDA

Riceviamo da Andrea Rossetto, Presidente di HAG, Historical Aircraft Group, queste immagini incredibili. E’ la fine del Grumman UH-16 Albatross del Museo di San Pelagio. Il velivolo, acquisito dall’Associazione Fly Albatross, avrebbe dovuto essere smontato e portato a Ravenna per essere restaurato. Ecco, invece, come è finito. In attesa di fornirvi un resoconto completo di questa oscenità, di farvi sapere chi sono i responsabili e quali azioni saranno intraprese perchè qualcuno paghi, non possiamo che urlare una sola cosa:

VERGOGNA!

Grumman01

Grumman02

Grumman03

Grumman04

Grumman05

Grumman06

Grumman07

POLINI THOR 250 DUAL SPARK

Novità nel campo dei motori di piccola cilindrata doppia accensione, adatti anche alla motorizzazione di velivoli monoposto ad elevate prestazioni e motoalianti: il motore Polini THOR 250 DUAL SPARK da 36 hp è provvisto di due candele e due accensioni indipendenti per garantire massime caratteristiche di sicurezza in ogni condizione di volo. Il raffreddamento a liquido assicura una straordinaria costanza di rendimento e maggiori prestazionalità a ogni regime di rotazione. Il cilindro è fuso in lega leggera di alluminio, il pistone è fuso per gravità in lega leggera. Il disegno del cielo del pistone è specifico per ottimizzare il rapporto di compressione. Provvisto di contralbero di bilanciamento, caratteristica che annulla le vibrazioni e prolunga la durata del motore stesso. La frizione centrifuga è in bagno d’olio con riduzione meccanica a denti elicoidali, e lL’avviamento elettrico è di serie, ma per sicurezza il motore è dotato anche di avviamento manuale con sistema facilitato grazie al dispositivo flash starter che velocizza e semplifica i movimenti

Thor_250_DualSpark LD

Pubblicato su News on line. 1 Comment »

JABIRU BIMOTORE CON KIT CONVERSIONE

La Shadow Lite C. C., dealer Jabiru Aircraft per il Sud Africa, ha realizzato il Jabiru Twin, un incredibile kit di conversione del classico quattro posti  J430 che lo trasforma in bimotore con due quattro cilindri da 80 hp ciascuno. La struttura di base del J430 (ala alta armata, carrello triciclo) rimane invariata e la conversione è stata realizzata con un paramezzale in lega leggera che è fissato alla parafiamma tramite attacchi laterali inferiori. Alle asole anteriori e posteriori del paramezzale sono collegate le gondole motore che quindi non hanno attacco ad anello dinafocale, ma una semplice sospensione a basamento che non dovrebbe essere un problema per le vibrazione, pur non essendo la sospensione baricentrica. Il tutto è integrato da un muso piuttosto corto ed elegante, e da due gondole perfettamente carenate che terminano a filo sportello non limitando in alcun modo l’accesso a bordo. Il motore in presa diretta ha consentito di adottare eliche PVV in composito di diametro ridotto e di contenere al massimo la distanza tra le due gondole e quindi i problemi di asimmetria in caso di volo single engine. I voli di collaudo sono previsti a Luglio 2013, con un peso massimo al decollo aumentato a 760 kg dai 700 di progetto (in pratica il peso del motore aggiuntivo). Il Jabiru Twin è destinato al solo mercato sudafricano www.jabiru.co.za

Jtwin02

Jtwin03

Jtwin01

VIRTUOSISMO SUL RAIL!

L’abilità e la preparazione estrema dei piloti SAR, unitamente alla capacità di valutare istantaneamente rischi e possibilità, è ormai leggendaria; ciononostante a volte si è costretti a “strafare” e il pilota di questo Eurocopter norvegese, che deve far scendere un soccorritore con la massima urgenza per estrarre un ferito da un veicolo, non avendo spazi di atterraggio nei pressi della strada sceglie l’unica possibilità praticabile, quella di poggiarsi con i pattini sul rail tenendo l’elicottero in bilanciamento con un gioco di comandi, dosando collettivo e pitch, che ha dell’incredibile: giù il cappello!

Pubblicato su News on line. 1 Comment »
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 62 follower